Agenda di storia templare: settimana dal 4 al 10 marzo

4 marzo 1235: Raymond de Claviers e sua moglie vendono a fra’ Bernard de Cambolamo, precettore delle case del Tempio di Grasse e Nizza (Provenza), presente il cappellano templare P. Augier, tutti i beni che possiedono a Biot, dietro il pagamento di 1.000 scudi raimondini.
5 marzo 1297: Carlo di Lagonessa, feudatario di Salpi, raccomanda ai suoi vicari di controllare che nessuno osi molestare i Templari, nel loro possesso della masseria in Terra di Siponto, situata nei pressi di Salpi.
9 marzo 1212-1213: Narbonne ed i suoi figli vendono a fra’ Olivier Audier, precettore della casa del Tempio di Grasse (Provenza), presenti i frati templari Hugues e Étienne, una pezza di terra situata a Biot, per la somma di 40 scudi raimondini.
9 marzo 1229: Gilles, cavaliere e signore di Mailli, rende noto di aver venduto all’Ordine del Tempio la decima su 744 giornate di terra che egli possiede a Seclin (Francia), per la somma di 815 lire parisine.
9 marzo 1260: Enrico, vescovo di Lucca, testimonia di aver preso visione di due lettere del 1259 con cui Thomas Bérard, maestro generale dell’Ordine del Tempio, autorizza il precettore generale d’Italia Pietro Fernando a cedere una parte del loro orto di Lucca ai Frati Predicatori; le lettere recavano il sigillo raffigurante un cavallo con due cavalieri muniti di lance e di scudi.
245
10 marzo 1171: Philippe de Milly, signore di Nablus, VII maestro generale dell’Ordine del Tempio, abdica dalla carica magistrale.
545px-Armoiries_Philippe_de_Milly.svg
10 marzo 1300: Fra’ Friedrich de Nigrip, maestro templare di Germania, autorizza la vendita di alcuni beni ad un borghese di Brunswick.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.